Category Archives: Consigli Utili

Aria – Temperatura

Aria – Temperatura

Qualità dell’aria indoor e climatizzazione efficiente degli ambienti, oggi l’attenzione è al massimo.

Un sistema tecnologico permette di regolare la temperatura e l’umidità degli ambienti, l’impianto di climatizzazione, è costituito da due elementi, unità interna l’unità esterna.

Fase uno… La scelta

La potenza di un climatizzatore, è calcolata con le dimensioni dell’ambiente che si desidera climatizzare, persone presenti nell’ambiente, e tante altre variabili, perché influiscono le caratteristiche dei locali e il loro posizionamento.

 

BONUS

Conto Termico 2.0

Detrazioni Fiscali

Bonus per Immobili ad uso Turistico

INCENTIVI

 

Non solo raffreddamento ma anche… Trattamento aria

Negli ambienti indoor è importantissimo garantire, attraverso un adeguato trattamento dell’aria, le condizioni ottimali.

Tra i sistemi per garantire un buon livello di qualità dell’aria ci sono:

  • purificatori d’aria 
  • deumidificatori fissi e deumidificatori portatili
  • aspiratori e aeratori
  • dispositivi di filtrazione dell’aria
  • impianti di ventilazione meccanica forzata

 

Tra gli estrattori d’aria ci sono prodotti che grazie alla presenza sensori e di un sofisticato algoritmo, monitora e automaticamente migliora la qualità dell’aria.

Tra gli impianti di ventilazione meccanica forzata in commercio ci sono impianti che integrano in un unico sistema ad aria canalizzato le funzioni di climatizzazione estiva – riscaldamento – rinnovo dell’aria.

 

Oggi in commercio c’è tutto o quasi per climatizzare e purificare l’aria nei nostri ambienti!!

 

 

Articolo realizzato da Aeromeccanica Veneta S.r.l.

› CONTATTACI PER UNA CONSULENZA GRATUITA

Edilizia Libera 2018

Edilizia Libera 2018

Edilizia Libera, in queste ultime settimane quanto ne abbiamo sentito parlare?

On-line c’è un po’ di confusione sulle opere che effettivamente si possono realizzare senza particolari permessi.

Il dpr non stabilisce che tutti possono fare tutto ma che per fare dei particolari interventi non c’è bisogno del permesso di costruire, SCIA o CILA.

Il dpr 380/2001 (testo unico edilizia) definisce all’art. 6 le diverse categorie di interventi realizzabili in edilizia libera, nel dettaglio possono essere eseguiti i seguenti interventi:

  1. gli interventi di manutenzione ordinaria
  2. gli interventi di installazione delle pompe di calore aria-aria di potenza termica utile nominale inferiore a 12 kW;
  3. gli interventi volti all’eliminazione di barriere architettoniche che non comportino la realizzazione di ascensori esterni, e di manufatti che alterino la sagoma dell’edificio;
  4. le opere temporanee per attività di ricerca nel sottosuolo che abbiano carattere geognostico, ad esclusione di attività di ricerca di idrocarburi, e che siano eseguite in aree esterne al centro edificato;
  5. movimenti di terra solo per l’esercizio dell’attività agricola e le pratiche agro-silvo-pastorali, compresi gli interventi su impianti idraulici agrari;
  6. le serre mobili stagionali, sprovviste di strutture in muratura, funzionali allo svolgimento dell’attività agricola;
  7. le opere di pavimentazione e di finitura di spazi esterni, compresa la realizzazione di intercapedini interamente interrate e non accessibili, vasche di raccolta delle acque;
  8. pannelli solari, fotovoltaici
  9. le aree ludiche senza fini di lucro e gli elementi di arredo delle aree pertinenziali degli edifici.

Tutti i punti sopra elencati sono considerati interventi in edilizia libera, ma necessitano comunque di una semplice comunicazione di avvio lavori al comune, anche le opere dirette a soddisfare obiettive esigenze contingenti e temporanee.

Il punto difficile da definire è il punto 1, interventi di manutenzione ordinaria cosa sono?

Nella manutenzione ordinaria, rientrano tutti gli interventi edilizi che riguardano le opere di riparazione, rinnovamento e sostituzione delle finiture degli edifici e quelle necessarie ad integrare o mantenere in efficienza gli impianti tecnologici esistenti.

Articolo realizzato da Aeromeccanica Veneta S.r.l.

› CONTATTACI PER UNA CONSULENZA GRATUITA

Consigli su come scegliere l’impianto di climatizzazione per un ristorante

Consigli su come scegliere l’impianto di climatizzazione per un ristorante

Il clima all’interno di un ristorante è uno di quei dettagli a cui bisogna prestare particolare attenzione.

Iniziamo a vedere quali sono i punti da tenere in considerazione per scegliere il giusto impianto.

  1. Temperatura Ideale

Il primo ragionamento da fare è senza dubbio quello sulla temperatura da tenere all’interno del locale. Di norma, è bene mantenere una temperatura costante di 22°C nel periodo invernale e di 25°C in quello estivo, sempre considerando la differenza tra temperatura esterna ed interna. Il grado di umidità, ovviamente, influisce sulla percezione del calore ed è quindi necessario che sia più basso d’estate e più alto d’inverno.

  1. Carichi Termici

Nelle ore di pranzo o di cena, i carichi termici aumentano, fate attenzione, anche le persone vanno considerate! Secondo alcuni studi condotti da esperti in climatizzazione di strutture commerciali, la potenza necessaria è calcolabile in queste proporzioni: 100W per persona e circa 30-40W per ogni metro quadro di superficie illuminata artificialmente, ovviamente questo calcolo non vale per la cucina, dove la presenza di fonti di calore modificano sensibilmente il calcolo delle proporzioni.

  1. Separare L’Impianto

La climatizzazione della sala è molto diversa da quella della cucina, perché gli elementi da considerare si moltiplicano e il calcolo della potenza necessaria va affidato a un termotecnico professionista, tutta l’attrezzatura e ogni fonte di calore presente in cucina influenza la temperatura dell’ambiente, e la presenza della cappa aumenta il fabbisogno dell’impianto di condizionamento. È consigliabile tenere separati gli impianti, tra sala e cucina, perché è molto improbabile che un impianto progettato per la climatizzazione di una sala sia altrettanto efficiente in cucina, e viceversa.

  1. È Importante Climatizzare anche la Cucina?

Anche se non esistessero norme o obblighi, sarebbe comunque importante per il benessere tuo e dei tuoi dipendenti climatizzare il locale cucina, perché aumenta il benessere quindi aumenta la qualità del lavoro, in un locale più fresco si lavora meglio!

  1. Pensare anche al risparmio energetico

Nel progettare l’impianto di climatizzazione di un ristorante è bene non fermarsi solo alla soluzione più economica, ma scegliere soluzioni che permettano di ammortizzare i costi nel tempo e di risparmiare sui consumi.
Una scelta consigliabile, è un impianto a ricircolo, che immette nella sala aria aspirata e depurata, non immettendo aria pescata dall’esterno, questa soluzione altera meno la temperatura e c’è meno bisogno di far lavorare il condizionatore. Si potrebbe anche scegliere un impianto con unità dotata di inverter.

Questi sono alcuni consigli per aiutarvi nella scelta corretta, ma il consiglio principale è appoggiatevi a dei professionisti!!!!

Articolo realizzato da Aeromeccanica Veneta S.r.l.

› CONTATTACI PER UNA CONSULENZA GRATUITA

Avvertenze consigli e uso del condizionatore

Avvertenze consigli e uso del condizionatore

In estate l’aria condizionata è un enorme beneficio, soprattutto per anziani e
bambini, che subiscono di più le alte temperature.
Recenti studi, fatti dall’Università Cattolica di Roma hanno confermato che a
causare raffreddori, tosse e mal di gola non è l’aria condizionata in sé, quanto
un suo uso scorretto.
L’aria condizionata può provocare, Bronchiti, Dolori addominali e anche
infezioni causate da batteri, vediamo ora come evitare tutto questo.
La temperatura consigliata va basata sulla temperatura esterna, quindi la
differenza tra l’aria esterna e quella interna non deve essere superiore ai 7
gradi e l’umidità deve essere compresa tra il 40 e il 50 per cento, e non
dobbiamo tralasciare l’importanza di non collocarsi mai sotto il getto diretto
dell’aria fredda.
Non dimentichiamo inoltre la corretta manutenzione dei condizionatori, come la
pulizia dei filtri che aiuta molto a prevenire infezioni anche serie come
la legionella, perché i filtri possono trasformarsi in ricettacoli di Batteri e
Muffe.
Quindi che sia a casa o in ufficio non dimentichiamo di appoggiarci a dei
professionisti per la sanificazione degli impianti di aria condizionata,
appoggiarsi a dei professionisti perché attraverso a dei test specifici sono in
gradi di sanificare l’impianto in modo corretto e di valutare la sostituzione se
necessaria dei filtri.

Articolo a cura di Manuel Starinieri

› CONTATTACI PER UNA CONSULENZA GRATUITA