Madonna Della Salute

Madonna Della Salute

Nel ‘600 la Serenissima combatteva per liberare i territori italiani dagli spagnoli e dai tedeschi, con loro arrivò anche il morbo della peste.

Provenendo da una zona infetta, l‘ambasciatore del ducato di Mantova fu messo in quarantena nell’isola del Lazzaretto Vecchio. Bastò un falegname di Venezia, a contatto con l’ambasciatore che a ritorno alla sera a casa propagò il morbo a tutta la città.

I Provveditori alla Sanità, emanarono molte disposizioni come bonificare le case insane, dividere gli ammalati nei vari ospedali e mandare a lavorare nelle campagne le persone non infette. Il patriarca Tiepolo ordinò preghiere pubbliche in tutta la città e processioni. Le vittime solo in un mese furono circa 11.966. Si pensò allora di fare un voto di edificare un tempio, come avevano già fatto con la chiesa del Redentore, dedicando alla Madonna una Chiesa alla Vergine Santissima intitolandola Santa Maria della Salute.

Dopo un anno e mezzo e con quasi 50.000 vittime la peste finì,  Il 28 novembre fu decretato giorno ufficiale della liberazione del morbo, il tempio venne consacrato il 9 novembre 1687 e la data della festa fu al 21 Novembre.

Un ponte di barche viene costruito per l’occasione sul Canal Grande dove moltissimi veneziani si recano a pregare all’interno della chiesa per fede o per tradizione.

 

Articolo realizzato da Aeromeccanica Veneta S.r.l.

› CONTATTACI PER UNA CONSULENZA GRATUITA

 

Lascia un commento